Home
Team Dedacciai
Team Legend
Team Somec
Re Artu Junior
Re Artu Allieve
Newsletters
Staff
Società
749
Storia
Palmares
Risultati
Stampa
733
Maglie
Partners
Statistiche
Cartoline
112
Gare 2014
Gare 2013
Gare 2012
Gare 2011
Gare 2010
Gare 2009
Gare 2008
Gare 2007
Gare 2006
Gare 2005
Gare 2004
Video
Il Giornalino 2004
Il Giornalino 2003
Il Giornalino 2002
 
Condividi
 
 
 


La società, fondata nel 1992 da Marcello Montanari e Marco Silvagni a Fiumana di Forlì, si indirizzava subito verso il settore granfondo che, proprio in quegli anni, cominciava a crescere.

Nel 1992 ci fu la prima partecipazione alla Nove Colli, alla Fausto Coppi e alla mitica Marmotte in Francia.

Nel 1993 l'organico della squadra, composta da sei tesserati, aveva il suo uomo di punta in Mauro Raffoni il quale, ritornato all'agonismo dopo anni travagliati dovuti a un infortunio, portava il primo titolo alla squadra di Fiumana vincendo il Campionato Regionale Strada a S. Maria Nuova di Bertinoro (FC) e ottenendo un brillante 18° posto alla Nove Colli e un onorevole piazzamento alla Marmotte.

Il 1994 vide la prima svolta all'interno dell'organico del Velo Club con l'inserimento di Daniele Lotti e Fabrizio Aloisi e con la partenza di Mauro Raffoni. Fu un anno importante, che vide la squadra crescere a livello nazionale grazie al "mitico" Daniele Lotti, il quale si confermava uno dei migliori granfondisti nazionali coi suoi due secondi posti assoluti a Urbino e al Giro del Gargano, ottenuti arrivando alle spalle dell'imbattibile Giuliano Anderlini.
Si allestì così la prima vera squadra corse, destinata poi a disputare quello che fu il primo campionato con prove di Gran Fondo: il Tour d'Italia, ideato e voluto dal patron Muzzioli. Il circuito prevedeva 10 prove dislocate nel territorio nazionale: la squadra riuscì a raccogliere ottimi risultati, conquistando il terzo posto finale con Daniele Lotti e il decimo con Marco Silvagni oltre al terzo posto assoluto nella classifica a squadre.

Nel 1995, con la partenza di Daniele Lotti e Fabrizio Aloisi, la squadra visse un anno di stallo partecipando con il solo Marco Silvagni alla seconda edizione del Tour d'Italia.

Il 1996 vide l'organico del Velo Club rinfoltirsi con l'inserimento di Alberto Casadei e Marco Venturi, che si aggiunsero agli inossidabili Giuseppe Padovani, Marcello Montanari, Maurizio Pruni e Marco Silvagni. In quell'anno, pur senza seguire un particolare calendario, si partecipò a varie Gran Fondo nazionali.

Nel 1997 al nucleo storico della squadra corse si aggiunse "Gigi", al secolo Pierluigi Paolucci, un atleta che nel tempo si rivelerà traino fondamentale per lo svolgimento dell'attività ciclistica della squadra. Anche quella, però, restò un'annata interlocutoria, con la disputa di una decina di Gran Fondo che servirono soprattutto a fare esperienza a livello nazionale e a far conoscere la società, giunta al sesto anno d'attività. Il Velo Club conquistò comunque l'ottavo posto nel neonato Campionato Italiano Gran Fondo UDACE.

Nel 1998 ci fu la seconda svolta all'interno della squadra corse, con gli arrivi di Andrea Aloisi, Lino Patrizi, Silvano Sagradini, Sailer Visieri, Riziero Brocchi, Pierpaolo Tumedei, Maurizio Mazzotti e di Raffaella Romani, la "mantovana volante". Inoltre, iniziò l'appoggio d'importanti sponsor e la collaborazione con la Cicli EGAM di Meldola che da quell'anno ci fornì le biciclette. Il 1998 fu uno degli anni più importanti per il Velo Club sia a livello di risultati sia a livello organizzativo: il team partecipò al 2° Campionato Italiano Gran Fondo UDACE, vincendo il tricolore femminile con Raffaella Romani e la categoria Veterani con Lino Patrizi, mentre la squadra conquistò il secondo posto nella speciale classifica a squadre, vinta dall'OLYMPUS di Milano. Pierluigi Paolucci, Andrea Aloisi e Silvano Sagradini si piazzarono ai primi posti della classifica finale. Il Velo Club cominciò a essere sempre più presente nelle parti alte delle classifiche delle più importanti Gran Fondo nazionali.

Il 1999 fu l'anno del tricolore. Riuscimmo a vincere il titolo a squadre del Campionato Italiano Gran Fondo UDACE, il tricolore assoluto con Andrea Aloisi, il titolo femminile con Raffaella Romani e il titolo nella categoria Supergentlemen con "Palach" Riziero Brocchi. Ciliegina sulla torta fu la doppia vittoria di Raffaella Romani nel Mondiale della Montagna e nel Mondiale a Cronometro.

Dopo un 1999 ricco di straordinari successi era arduo sperare di ripetersi anche l'anno successivo; ma nel 2000 la squadra corse, rinforzata dal ritorno di Fabrizio Aloisi e dagli arrivi di Maurizio Giardini e Gilberto Vitali, si gettò l'assalto della riconferma del titolo italiano con un team composto da 18 atleti. I successi dell'anno precedente furono pienamente riconfermati nel 4° Campionato Italiano Gran Fondo UDACE: bis del tricolore a squadre, vittoria assoluta di Pierluigi Paolucci, che precedette di un soffio il campione uscente Andrea Aloisi, tripletta di Raffaella Romani nel titolo femminile e conferma di Riziero Brocchi nella categoria Supergentlemen. Il 2000, oltre ai titoli citati, portò al Velo Club una maglia iridata con la Romani - che bissò così il successo dell'anno precedente riconfermandosi Campionessa Mondiale a Cronometro - e una maglia tricolore conquistata da "Gigi" Paolucci nel Campionato Italiano di Fondo categoria Senior. Superlativa la stagione della "mantovana volante"
Raffaella Romani che vinse, oltre al Mondiale, ben 13 Gran Fondo. Ottima annata anche per Andrea Aloisi, 11° assoluto alla Nove Colli e capace di cogliere cinque vittorie di categorie oltre a due secondi posti assoluti
La stagione 2000 vede un nuovo abbinamento con un partner di rilievo, MG.K Vis Idrosalino Energetico, le maglie diventano Bianco-Arancio, marchio e colori che diventeranno dominanti nel mondo granfondista .

La stagione 2001 vide per la prima volta nella storia della società il tesseramento di due atleti non italiani: gli australiani Danny e Daniel Clark. Proprio Danny Clark si rivelò il fiore all'occhiello del team, vincendo 3 titoli Mondiali UCI Master, Cronometro strada a St. Johan in Austria, Corsa a punti e Sprint ai Mondiali pista di Manchester in Inghilterra. A quello si sommò il Mondiale Crono strada UDACE categoria Gentleman, vinto a Cordenons (PN) e le 17 vittorie di categoria nelle più importanti Gran Fondo italiane, che gli permisero di aggiudicarsi la classifica finale del Ranking 2001 (categoria Veterani2), assieme ad Andrea Aloisi (primo nella categoria Master1) e all'ottimo piazzamento di Maurizio Giardini terzo nella categoria Veterani1.
Per la terza volta consecutiva la squadra si fregiò del tricolore Gran Fondo UDACE, campionato che vide Andrea Aloisi piazzarsi terzo assoluto e vestire la maglia di Campione Italiano categoria Senior precedendo Pierluigi Paolucci. La classifica finale, inoltre, si concluse col secondo posto nelle relative categorie di Andrea Agati (Junior), Alex Fabbri (Cadetti) e Sailer Visieri (Gentleman), e con il terzo posto di Maurizio Giardini (Veterani) e Riziero Brocchi (SuperG). L'annata 2001 fu dunque straordinaria, con i portacolori del Velo Club alla partenza di ben 30 Gran Fondo, capaci di portare a casa ben 43 vittorie di categoria, 22 secondi e 39 terzi posti.

Nel 2002, all'avvicinarsi della stagione agonistica, fu allestita la squadra che sarà poi alla partenza del Campionato Italiano Gran Fondo UDACE, del Giro delle Regioni e del Ranking 2002. Arrivarono l'ex Campionessa del Mondo dell'inseguimento a squadre Monica Bandini, Andrea Ragazzini, Giuliano Santolamazza, Gianfranco Balzani, il Campione Italiano assoluto di Fondo Arnoldo Antonini e il Campione Italiano di Medio Fondo Paolo Morri. Sempre nel 2002 ci fu la conquista, per la quarta volta consecutiva, del Campionato Italiano UDACE GF a squadre, e portammo il marchio del nostro fornitore ufficiale di biciclette (Brunetti) alla conquista della Coppa Costruttori. Se il 2001 aveva visto come fiore all'occhiello del team l'australiano Danny Clark, il 2002 fu indiscutibilmente l'anno di Monica Bandini. L'ex iridata suggellò una stagione spettacolare conquistando tutte le più importanti GF nazionali (per lei 23 vittorie su 23 gare disputate), con il trionfo nelle finali dello Shimano Challenge, del Giro delle Regioni e del Trofeo Aliparma.
Ci fu anche una maglia di Campione Italiano per Andrea Agati, che vinse il tricolore UDACE GF categoria Senior e colse la vittoria assoluta alla GF del Nord Est. Buona anche la stagione di Arnoldo Antonini, che vinse lo Shimano Challenge (categoria M/3), il tricolore Ferrovieri e concluse al secondo posto il Giro delle Regioni (V/1), dove si classificarono terzi di categoria Pierluigi Paolucci (M/2) e Sailer Visieri (G) e quinto Andrea Ragazzini (S). Nello Shimano Challenge, oltre alle vittorie di Monica Bandini ed Arnoldo Antonini, registrammo il terzo posto per Giuliano Santolamazza (M/1) e Andrea Ragazzini (S) e il quarto per Maurizio Giardini (M/3). Nel Campionato Italiano GF UDACE, oltre alla vittoria di Andrea Agati, ci fu il secondo posto per Gilberto Vitali (Veterani) e Paolo Morri (Senior), il terzo per Fabrizio Aloisi (Veterani), Piersilvio Giara (SuperG), Pierpaolo Tumedei (Gentleman), Andrea Scolastico (Cadetti) e Daniele Cressi (Junior), che vestì anche la maglia tricolore nel Campionato Italiano di Fondo UDACE (categoria Junior). Raffaella Romani, invece, indossò il tricolore GF UISP.

Il 2003 passò attraverso una sessantina di gran fondo in Italia (di cui una in Austria), coi nostri corridori sempre in prima fila. Nuovi arrivi: Marco Fabbri, Marcello Tati e Marco Vergnani. Due vittorie assolute nel palmarès degli uomini, 28 in quello femminile e, in totale, ben 61 vittorie di categorie. Un trionfo! La parte del leone, anzi della leonessa, spettò a Monica Bandini, prima sulla finish line di ben 20 gare, con tutte le più importanti del calendario. A lei andarono tutti i circuiti nazionali d'interesse (Shimano Challenge, Giro delle Regioni, Aliparma). Tra gli uomini Arnoldo Antonini s'impose nelle classifiche di categoria di 20 gare, vincendo, di riflesso, lo Shimano Challenge, il Giro delle Regioni e il Brevetto dell'Appennino. Paolucci dovette "accontentarsi" dei soli successi al Brevetto dell'Appennino, alla classifica a tempi del Giro delle Regioni e della piazza d'onore allo Shimano Challenge. Gli altri risultati: Andrea Ragazzini primo allo Shimano e secondo nel Regioni; Paolo Morri terzo in entrambe le challenge; Maurizio Giardini primo al Granducato e terzo allo Shimano e al Regioni. Raffaella Romani, vincitrice di sette gran fondo prima al Granducato e seconda al Regioni. Marco Vergnani, firmatario delle due vittorie assolute, secondo al Regioni e terzo allo Shimano Challenge; Marco Fabbri secondo allo Shimano e terzo al Regioni e infine Fabrizio Aloisi, detto "Zaf", quarto e quinto nei rispettivi circuiti.

Nel 2004 arrivò la piena la celebrazione di uno dei team più forti, se non il più forte in assoluto, in Italia. Ben 35 vittorie assolute (su 58 gran fondo corse) e ben 67 vittorie di categoria oltre a una pletora di vittorie in tutti i circuiti più importanti delle gran fondo resero il 2004 il migliore di sempre. Risultati eccezionali, andati ben oltre le più rosee previsioni, ottenuti grazie a un gruppo eccezionale di ragazzi. Su tutti, tra gli uomini, David Tani, ex pro compagno di Bartoli alla Mapei che fu al centro della nostra campagna tesseramenti, mentre tra le donne Monica Bandini si confermò ancora una volta la numero uno. Diciotto vittorie lei, sette lui. Senza nulla togliere a Paolucci e Antonini, che in quella stagione raccolsero la prima vittoria assoluta della loro brillante carriera granfondistica, o a Vergnani che per due volte tagliò vittorioso la finish line, o alla caparbia Romani capace di racimolare ben cinque vittorie, i nostri crack furono proprio Monica Bandini e David Tani. Questi brillanti risultati portano alle vittorie finali nelle rispettive categorie per Monica Bandini (W/2) nel Giro delle Regioni e Shimano Challenge, Arnoldo Antonini (M/4) nello Shimano Challenge, Giro delle Regioni e Marathon Series, Giro delle Regioni e Marathon Series per Pierluigi Paolucci (M/3), Piersilvio Giara (M/7) si aggiudica il trofeo Aliparma oltre al Campionato Itakliano, Europeo e Mondiale della Montagna, Raffaella Romani (F) vince al Granducato di Toscana. David Tani grazie alla sua brillante stagione vince le classifiche assolute di Shimano Challenge, Marathon Series e Coppa Lombardia

Il 2005 è stato contrassegnato da ben 64 gran fondo disputate, con 12 vittorie assolute in campo maschile, 16 in campo femminile e ben 77 vittorie di categoria. Numeri che parlano da soli. Il fattore più significativo che li ha determinati è stato l'arrivo nelle fila del team di Andrea Ciavatti che, con ben sei vittorie assolute oltre a nove successi di categoria, è risultato l'arma in più. Non solo Ciavatti, però, ha ben figurato: Magnani ha vinto due gare ed è stato protagonista in quasi tutte le altre cui ha partecipato, riuscendo spesso e volentieri ad aiutare i compagni di squadra a vincere, mentre Roberto Cunico ha vinto la sua prima gran fondo in carriera e inanellato ben 11 vittorie di categoria conquistando la classifica finale assoluta del Criterium Veneto. Pierluigi Paolucci pure ha vinto una gara e dominato10 volte la sua categoria, Daniele Balestri prima di cambiare casacca ha fatto in tempo a vincere una gara e a cogliere alcuni buoni piazzamenti. Monica Bandini ha portato a termine un'altra eccezionale annata ricca di ben 16 vittorie, tra cui molte delle maggiori gran fondo nazionali. Una vittoria stagionale anche per Camilla Brigliadori con 5 centri di categoria e una per David Tani che ha conquistato anche la classifica finale del Brevetto dell'Appennino; vittorie finali al Giro delle Regioni per Giulio Brusoni (M/1) e Piersilvio Giara (M/7) che ha messo in carniere anche il Campionato Europeo della Montagna, Silvano Minora ha vinto la propria categoria (M/4) alla Coppa Lombardia mentre Cristiano Doveri a Zocca, nel modenese, ha fatto suo il titolo Campionato Italiano Medici e, ciliegina sulla torta, Alessandro Grassi ha conquistato il Mondiale di Fondo categoria LC3.

Il 2006 è stato vissuto come un'unica, grande e bella avventura. Tirando le somme al termine della stagione agonistica, infatti, siamo stati di gran lunga il team numero uno per risultati; protagonisti dalla prima all'ultima delle circa 80 gare disputate, abbiamo sbaragliato il campo dimostrando di aver azzeccato in pieno il programma di rafforzamento con la riconferma dei più quotati e l'arrivo in blocco di Fantini, Mondaini e Sancisi. Cominciando dalle vittorie assolute, esse sono state ben 35 in totale, di cui 21 in campo maschile e 14 in quello femminile. A quei due dati vanno aggiunti 22 secondi e 20 terzi posti. In totale siamo saliti ben 63 volte sui podii assoluti, mentre passando alle categorie sono state ben 105, sottolineiamo 105, le vittorie di categorie. Numeri quasi incredibili, comunque li si voglia interpretare. Molto significative le 21 vittorie assoluti tra gli uomini, che più di ogni altro dato ha messo in evidenza il concetto di team: ben 10 atleti, infatti, sono stati coloro quelli che hanno conquistato almeno una vittoria!
Arrivando ai singoli, Monica Bandini ha meritato un apprezzamento a parte. Con 14 vittorie assolute e 25 di categoria la nostra regina ha arricchito un albo d'oro diventato alto così.
Andrea Ciavatti per il secondo anno consecutivo ha dimostrato di essere un numero uno. Più forte degli avversari, ben sei volte, ma anche più forte della malasorte che ha tentato senza riuscirci di mettere ko il nostro torello almeno in un paio di occasioni. Sei vittorie per lui, quindi, ottenute in alcune delle gare totem del calendario, oltre ad altre dieci di categoria, a qualche brillante piazzamento, a qualche fuga da antologia e a tanto sudore al servizio degli altri quando la condizione non gli ha permesso di pedalare da protagonista.
Tre vittorie assolute oltre a una medio fondo e a otto successi di categoria per Matteo Podestà, che ha avuto una continuità di rendimento molto elevata praticamente per tutta la stagione, dimostrandosi competitivo sul passo ma soprattutto in salita, riuscendo spesso a scrollarsi dalle ruote gli avversari nelle erte più dure delle gran fondo più impegnative.
Tre vittorie assolute anche per David Tani, che ha assommato anche sei successi di categoria prima dell'incidente di Cesenatico che lo ha costretto a chiudere anzitempo la stagione.
Due vittorie assolute e 10 di categoria per Doriano Purismi, che mai come nel 2006 ha saputo raccogliere i frutti di una preparazione meticolosa oltre a risultare prezioso in copertura e in appoggio ai compagni.
Due vittorie anche per Pierluigi Paolucci, atleta bandiera del nostro team e che da sempre, anno dopo anno, ha stupito per dedizione e serietà. Anche per Gigi sono arrivati ben sei successi tra i pari età.
Arnoldo Antonini è riuscito a mettere in cassaforte una vittoria in una gran fondo, una in una medio fondo e ben 12 successi di categoria quasi scontate, essendo già da alcuni anni il più forte atleta nazionale della sua fascia d'età.
Da elogiare anche il comportamento di Roberto Cunico: per lui un successo assoluto e ben dieci successi di categoria. Il giovane atleta veneto, con noi dal 2005 ha confermato e addirittura migliorato quanto di buono aveva già fatto vedere.
Marco Magnani ha avuto al suo attivo un successo pieno e tre di categoria; ma come e forse più degli altri è andato vicino a bissare quell'unica vittoria; soprattutto a inizio anno quando per parecchie settimane ha palesato una forma strepitosa.
Per i tre "gemelli" romagnoli Ersilio Fantini, Mauro Mondaini ed Ersilio Fantini c'è stata la conferma della loro competitività in ambito nazionale: 1 vittoria assoluta e tre di categoria per la "Jena"; una assoluta e due di categoria per il piccolo "Duracell" alle prese con un lungo stop per infortunio e tre vittorie di categoria per il "Sancio", che a Reggio Emilia, in una giornata storica per i nostri colori sociali con una cinquina da leggenda, ha rischiato di vincere addirittura l'assoluta.
Infine il gentleman Piersilvio Giara, Maurizio Giardini e Giovanni Maiello i quali, oltre a vincere nelle rispettive categorie (3 Giara, 2 ciascuna per Giardini a Maiello), si sono distinti anche se non soprattutto per generosità mettendosi appieno al servizio degli altri.

Stagione 2007 parte con qualche cambiamento e tante conferme. Le conferme sono le partnership consolidate con Mg.K Vis, Lgl, Tubozeta, Diadora, SH.
I cambiamenti sono nell'ordine: divisione della squadra in due strutture sempre "targate" Mg.K Vis una con partner tecnico Look e l'altra con la dominante femminile con partner tecnico Cinelli.
Il team "targato" Mg.K Vis-Lgl-Look vede la conferma di tutti gli atleti migliori della passata stagione con l'arrivo di Antonio Corradini e Gianni Maiello che insieme ad Andrea Ciavatti ed Ersilio Fantini saranno i protagonisti dell'annata. Con i tradizionali colori bianco-arancio vengono disputate 65 granfondo cogliendo 17 vittorie assolute maschili, 1 vittoria assoluta femminile e 52 vittorie di categoria Andrea Ciavatti veste la maglia azzurra agli Europei Master U.C.I. in Repubblica Ceka e conquista 2 titoli Continentali vincendo sia la prova su strada che la cronometro. Altri 4 titoli Continentali Udace GF vengono vinte da Fabbri (Junior), Ciavatti (Senior), Fantini (Veterani) e Antonini (Gentleman). Sempre presenti nelle granfondo nazionali con Corradini, Fantini e Ciavatti protagonisti nelle gare più importanti, successo pieno anche all'estero con la doppietta Ciavatti-Maiello alla mitica Marmotte, la più importante granfondo d'Oltralpe.

Veniamo al team fratello, Sintesi-Adeste-Mg.K Vis che aveva nel duo Monica Bandini-Barbara Lancioni le primattrici. Il duo si aggiudica ben 6 delle 10 prove del Prestigio, in totale 19 vittorie per Monica e 18 per Barbara, con la sesta vittoria consecutiva alla Felice Gimondi Monica Bandini taglia il traguardo delle 100 granfondo vinte. In campo maschile 17 i successi pieni e 31 di categoria con Michel Chocol, Roberto Cunico, Konstantin Klyuev e Pierluigi Paolucci a far la parte del leone, successi prestigiosi come Giro di Lombardia e alla Cuneo su tutte. Monica Bandini si laurea per il secondo anno consecutivo Campionessa Italiana assoluta GF della FCI, mentre nel medesimo Campionato, Silvano Sagradini si fregia del tricolore categoria Master 5.

Dalla stagione 2007 alla stagione 2012 Velo Group ha gestito l'attività agonistica del Team Viner.

Anche nella stagione 2008 viene confermata la linea dei due team "fratelli", riconfermate le partnership più importanti, al via si presentano il Team Mg.K Vis-LGL-Look ed il Team Sintesi-Adeste-Mg.K Vis-Pinarello, tanti gli arrivi importanti, in maglia bianco-arancio giungono, Konstantin Klyuev, Fabrizio Amantini, Stefano Barbetta, Checco Bondi, Fabio Laghi, Paolo Morri, Luca Zambenedetti, Marianna Ranieri, Cristina Lambrugo, Ilenia Monno e Monia Gallucci.
Le squadre partecipano a 68 manifestazioni italiane oltre alle trasferte francesi in occasione della GF Look e quelle austriache per l’Oetztaler e i Mondiali Master UCI.
10 sono le vittorie assolute maschili e ben 36 quelle femminili, 96 vittorie di categoria, titolo Mondiale Master UCI conquistato da Monia Gallucci che si aggiudica anche il Campionato Italiano GF della Federciclismo, Marianna Ranieri si aggiudica la classifica finale del Giro delle Regioni mentre Veronique Vatan veste la maglia tricolore Udace GF.
Monia Gallucci e Monica Bandini trionfano in ben 8 prove del Prestigio su 10, in totale 10 vittorie assolute per Monia oltre al Mondiale Master UCI e la maglia tricolore GF FCI e 15 per Monica che porta il suo palmares granfondistico a 125 successi assoluti e 155 di categoria e si riconferma la nr. 1 al femminile per il secondo anno consecutivo nel Ranking Nazionale. Rimanendo in campo femminile, vero fiore all’occhiello della società, ottima la stagione per Marianna Ranieri, per lei 8 vittorie e la classifica finale al Giro delle Regioni, Cristina Lambrugo coglie 3 successi pieni e 9 centri di categoria.
In campo maschile 1 vittoria "Prestigiosa" colta da Konstantin Klyuev alla GF Colnago oltre a importanti successi colti da Pierluigi Paolucci, Fabio Laghi, Stefano Barbetta, Mauro Mondani, Esilio Fantini ed Andrea Ragazzini a conferma della compattezza e della qualità del gruppo la maglia tricolore nella categoria Master Gold conquistata da Maurizio Giardini nel Campionato Italiano MF della FCI

La formula dei due team "fratelli", che tante soddisfazioni ha dato ai nostri colori viene presentata anche per la stagione 2009, ai nastri di partenza si presentano il Team MG.K Vis-LGL ed il Team Sintesi-Nautilus-MG.K Vis-Pinarello.
Confermate tutte le partnership degli anni precedenti, entra un altro marchio prestigioso, Miche.
Sono Alessandro Bertuola in campo maschile e Monica Bandini in quello femminile i nomi più prestigiosi e vincenti.
I team conquistano 9 vittorie assolute maschile e 16 femminili, 55 le vittorie di categoria prendendo il via in 62 gare in Italia e Austria.
Cristina Lambrugo si laurea Campionessa Italiana Granfondo della FCI categoria F1, Alessandro Bertuola si aggiudica la Challenge Veneto4Rides, Marco Ghiselli vince la classifica assoluta del Brevetto dell’Appennino mentre Pierluigi Paolucci vince la propria categoria, Master 4, nel circuito Amatour.
Una stagione in chiaro-scuro, è mancato il successo importante in una gara del Prestigio, successo sfiorato per ben 3 volte da Alessandro Bertuola che ha concluso al secondo posto Straducale, Oetztaler e Colnago, successi "Prestigiosi" che non sono invece sfuggiti a Monica Bandini alla Straducale, Pinarello e Colnago, per la terza stagione consecutiva e quindi dalla nascita del Ranking, Monica Bandini si conferma ai vertici nella classifica femminile. Purtroppo nel finale di stagione un grave lutto scuote la nostra società, il 22 settembre viene a mancare il nostro "Gigante Buono", Luca "Cipito" Zambenedetti, un grande uomo prima che un ottimo atleta, una persona di una sensibilità unica e rispettosa di tutto e di tutti. 

Anche per la stagione 2010 si procede con 2 team, uno interamente al femminile con l’entrata di Somec come partner tecnico, partner storico che aveva accompagnato Monica Bandini all’inizio della sua carriera agonistica.
Accompagnano Monica in questa avventura Cristina Lambrugo, Roberta Moschen, Patrizia Piancastelli e Valentina Cavalieri.
Le nostre amazzoni vincono 14 granfondo e 24 sono le vittorie di categoria.
Monica Bandini veste la maglia di Coppa del Mondo Udace nelle Fondo e vince il Campionato Emiliano-Romagnolo FCI, Patrizia Piancastelli vince il Romagna Challenge.

In campo maschile confermate tutte le partnership storiche, equipaggiate sempre con le specialissime Viner, sono 4 le vittorie assolute maschili e 23 quelle di categoria, Ersilio Fantini veste la maglia di categoria di Coppa del Mondo Udace nelle Fondo, un’anno di transizione con la squadra attrezzata per far bene ma a metà stagione sia Alessandro Bertuola che Bruno Rizzi, le nostre punte provano il ritorno nei professionisti indebolendo il nostro roster.
A salvare la stagione bianca-arancio ci pensa l’unica donzella del gruppo, "Sissi" Vinci che porta ben 4 maglie tricolori FCI nella categoria paralimpica WC4, 2 su strada e 2 su pista.
40 sono le granfondo che hanno visti alla partenza i nostri atleti.

Si prosegue anche nel 2011 con 2 team sulla stessa falsariga dell’anno precedente con la conferma di tutti i partners tecnici.
La squadra femminile conferma Monica Bandini, Cristina Lambrugo, Roberta Moschen e Patrizia Piancastelli alle quali si aggiungono Raffaella Carloni, Monia Gallucci e Florinda Neri.
Alla fine della stagione sono 14 i successi assoluti delle ragazze e 27 quelli di categoria, Monica Bandini si laurea Campionessa Italiana GF Udace e vince il Romagna Challenge.
Di rilievo i successi per Monica Bandini alla Felice Gimondi (ottavo successo alla gara bergamasca), di Raffaella Carloni nel percorso medio della GF Giordana, di Florinda Neri all’Avesani.

Il team maschile parte con Stefano Barbetta, Ersilio Fantini, Fabio Laghi, Mauro Pulit e Marco Spada ai quali si aggiungono Andrea Centenaro, Tiziano Lombardi, Fabrzio Lucciola, Massimo Ravaioli e lo "stagista" Michele Rezzani.
Come negli ultimi 10 anni le maglie arancio sono sempre un riferimento nel mondo granfondistico, 5 le vittorie assolute (Valdarno, Cassani, Marcialonga Cycling, Pantanissima e Southgardaroad) e 28 le vittorie di categoria, con tanti podi dei nostri ragazzi. Ersilio Fantini vince il Romagna Challenge.

2012 che ricalca le impostazioni degli anni precedenti. La squadra interamente al femminile formata da Monica Bandini, Monia Gallucci, Cristina Lambrugo, Florinda Neri, Patrizia Piancastelli e Laura Ravaglia ci regala 8 vittorie assolute e 21 di categoria, di assoluto valore i successi di Monica Bandini alla Sporful, Damiano Cunego, alla Pinarello (settimo successo) e alla Felice Gimondi (nono successo). 4 le maglie tricolori vinte, da Sissi Vinci che si riconferma tricolore strada FCI nella categoria WC4, mentre Laura Ravaglia e Florinda Neri si aggiudicano nelle rispettive categorie il tricolore ACSI granfondo, mentre Monica Bandini veste il tricolore Tout Terrain ACSI.
In campo maschile ai nastri di partenza si sono presentati Davide D’Angelo, Ersilio Fantini, Fabio Laghi, Luca Fioretti, Carmine Manganella, Riccardo Nicotra, Mauro Pulit, Massimo Ravaioli, Michele Rezzani, Marco Spada a cui si è aggiunti in alcune occasioni Damiano Margutti. 9 le vittorie assolute e 29 di categoria con le perle di Fabio Laghi alla Felice Gimondi e alla Southgardaroad. Michele Rezzani vince la propria categoria e si laurea Campione Italiano ACSI granfondo mentre Fabio Laghi nella prova unica in occasione della GF La Magnifica veste il tricolore ACSI Tout Terrain .

2013 che vede concludersi la partneship tecnica con Viner che tanti successi ha portato al team.
Confermata la formazione femminile con biciclette Somec, a fianco dell’eterna Monica Bandini confermate Florinda Neri, Cristina Lambrugo, Sissi Vinci e Laura Ravaglia alle quali si aggiungono Serena Di Marco e Marina Ilmer.
14 le vittorie assolute e 24 quelle di categoria, 7 vittorie per Monica e 7 per Marina che in coppia con la belga Vanden Brande si aggiudica la Trans Alp oltre alle cronoscalate dello Stelvio e Pennes.
Florinda Neri vince il Campionato Italiano GF Acsi e Monica Bandini si aggiudica il Romagna Challenge.

Settore maschile con la formazione di tre team con nuove partnerships tecniche sempre equipaggiate da Miche, una con specialissime Legend che vede in Alessandro Bertuola il capitano indiscusso, per lui 4 vittorie assolute e una presenza assoluta nelle parti alte della classifica per tutta la stagione. Alle vittorie di Bertuola si aggiungono i due centri di Carletto Muraro e la vittoria nel percorso medio della Pina di Andrea Masiero.
Una squadra che nella stagione coglie oltre alle 7 vittorie assolute coglie 30 vittorie di categoria, si aggiudica il Campionato Italiano Acsi GF categoria Cadetti con Paolo Minuzzo che si aggiudica anche il Romagna Challenge mentre Sebastiano Signorino vince il Granducato di Toscana.

Sono Tiziano Lombardi e il tedesco Bernd Hornetz gli elementi di spicco del team equipaggiato con le biciclette Prestigio, Bernd Hornetz vince il Mondiale UWCT Master 4 a Trento oltre a Dolomiti Classic e Les Ballons mentre Tiziano Lombardi vince la Pantanissima e Christian Schiller la 3 Laghi Carrera, Werner Weiss si aggiudica la Trans Alp, team targato Prestigio che chiude la stagione con  5 vittorie assolute e 18 di categoria, il Mondiale UWCT di Hornetz, Lombardi vince la propria categoria nel Romagna Challenge.

Il team storico targato MG.K Vis si presenta con le nuove fiammanti biciclette Dedacciai, Dainius Kairelis il faro di questa formazione, per lui bella vittoria alla Marcialonga Cycling. Per il resto una stagione che ha visto gli altri componenti la formazione come Laghi, Rezzani e Fantini alle prese con continui problemi fisici, 11 le vittorie di categoria e il titolo Italiano assoluto GF Acsi per Esilio Fantini mentre Daria Morganti regala al team arancio 5 vittorie assolute al femminile e 6 di categoria oltre a 2 vittorie di tappa nel Giro d’Italia Amatori

Quarta stagione invece per il nostro vivaio che ci ha regalato una stagione molto bella sia dal punto di vista dei risultati sia su quello dell’aggregazione.
Nella stagione 2013 la società ha fatto un ulteriore sforzo allestendo la squadra Allieve, composta da 7 ragazze, e la squadra Juniores  composta da 8 ragazze, ampliando anche lo staff tecnico a supporto dell'aumento del numero delle atlete e delle gare riservate alle categorie della Federazione Ciclistica Italiana.
 Nella squadra Allieve eclatante risultato di Michelotti Martina che ha vinto la maglia di Campionessa Italiana Corsa a Punti su Pista.
 Grande risalto al gioco di squadra che ha portato le ragazze ad ottenere grandi risultati sia nell'attività su strada che su pista. L'attività su strada ha visto la società risultare vincitrice della classifica della "3 Regioni in Rosa", al 3° posto nella classifica di rendimento nazionale grazie alle 4 vittorie di Nanni Giulia, 3 di Michelotti Martina e 2 di Franceschelli Sara, Nanni Giulia vanta 1 vittoria e importanti piazzamenti che le ha valso il 3° posto nella classifica nazionale "Bracciale del Cronomen". Michelotti Martina è Campionessa Regionale su Strada, Nanni Giulia Campionessa Provinciale su Strada.
L'attività su Pista ha dato altri grandi risultati, Michelotti Martina ha anche vinto la maglia di Campionessa Regionale Corsa a Punti, Nanni Giulia vincitrice della classifica Omnium della "3 Regioni in Rosa", Campionessa Romagnola Omnium e Campionessa Provinciale Inseguimento Individuale.
Franceschelli Sara in coppia con Nanni Giulia hanno vinto l'Omnium a Coppie, gara di interesse nazionale.
Michelotti Martina è stata convocata per test valutazionali dai Tecnici della Nazionale di Ciclismo Femminile  
Per quanto riguarda la squadra Juniores, nell'attività Ciclocross Reati Vittoria diventa Campionessa Regionale, l'attività su Strada e le prove a Cronometro hanno colto numerosi piazzamenti nelle prime dieci posizioni degli ordini d'arrivo, Romei Miriam Campionessa Regionale Cronometro, Dapporto Noemi Campionessa Provinciale Strada, Giorgio Martina, Poletti Laura. Nell'attività su Pista da segnalare Dapporto Noemi Campionessa Provinciale Inseguimento Individuale.
Romei Miriam è stata convocata ad una gara a tappe con la Nazionale Italiana.

 


Copy ©
1999-2014
®